Ogni anno centinaia di animali muoiono spaventati dai botti. A Natale e Capodanno non esplodere nulla

Per centinaia di animali, ogni anno, morire di paura nel periodo da Natale a Capodanno è un rischio concreto, questo a causa dei botti. Quelli anziani possono morire per infarto, quelli selvatici, come gli uccelli, spaventati, possono schiantarsi contro alberi, muri o pali. Cani e gatti di casa, terrorizzati, fuggono e si perdono finendo spesso investiti dalle auto.

Se l’uomo ha un udito con una percezione compresa tra le frequenze da 15 a 15.000 hertz, cani e gatti, invece, dimostrano facoltà uditive di gran lunga superiori: il cane fino a circa 60.000 hertz e il gatto fino a 70.000.

Negli allevamenti le mucche, le pecore, i cavalli e i conigli soffrono per lo spavento causato dai botti e le femmine gravide rischiano l’aborto. Per questo è necessario rinnovare gli appelli ai sindaci, ad emanare ordinanze di divieto di esplosione di botti, e alle forze dell’ordine perché vigilino.

Ci rivolgiamo soprattutto ai cittadini affinchè limitino l’uso dei botti, evitando grandi esplosioni, magari utilizzando fuochi d’artificio silenziosi, accompagnati da base musicale.

Condividi sui tuoi social