Primavera alle porte, cosa fare se il proprio animale entra in contatto con le Processionarie? – CONSEGUENZE

0

La primavera è alle porte, entrerà ufficialmente il prossimo 20 marzo e tutti gli amanti degli animali pensano immediatamente alle Processionarie, bruchi urticanti pericolosi per i nostri amici a quattro zampe.

Il loro nome comune deriva dall’abitudine che hanno di spostarsi in fila indiana, una attaccata all’altra, formando una vera e propria processione. Questi insetti, purtroppo, possono risultare anche mortali per gli animali, soprattutto i cani.

La pericolosità per l’uomo e gli animali è presente soprattutto durante lo stato larvale ed è data dalla miriade di peli urticanti che ne ricoprono il corpo. Le larve delle Processionarie iniziano a vedersi da marzo, ma nelle zone più calde si possono incontrare anche prima.

LE CONSEGUENZE

I peli urticanti provocano i danni maggiori se riescono ad infilarsi nella pelle, dove originano un eritema papuloso pruriginoso. I casi più gravi si hanno quando i peli entrano in contatto con gli occhi, con le mucose, con la bocca e con le vie respiratorie e digestive.

I cani sono gli animali che più di tutti subiscono gli effetti delle Processionarie.
Hanno l’abitudine di camminare annusando il terreno e leccare tutto quello che trovano in terra e proprio questo li mette seriamente in pericolo.

Questi gli immediati effetti, purtroppo anche mortali, che hanno i cani entrando a contatto con i peli urticanti delle Processionarie:

-forte dolore
-salivazione abbondante
-necrosi della lingua e della mucosa
-edema della glottide
-vomito emorragico
-infiammazione di bocca, esofago e stomaco
-febbre
-anoressia
-diarrea emorragica

COME COMPORTARSI IN CASI DEL GENERE

– portare il proprio animale immediatamente dal medico veterinario di fiducia

Leave A Reply